Blog

30/04/2020

Come creare un brand da zero

Tutti gli elementi da sviluppare per caratterizzare il tuo brand e rendere unica e memorabile la tua attività.

Creare un brand di successo è la chiave per far funzionare la tua azienda al massimo delle sue potenzialità.

Che tu abbia già alcune nozioni o non abbia la più pallida idea di come si concepisca un brand, in questo articolo scoprirai tutti gli elementi di cui non puoi fare a meno per far nascere il tuo brand.

Cos’è il brand?

La parola brand deriva dall’inglese e significa marchio

Per marchio si intende il nome, il simbolo, il logo di un’azienda.

Rappresenta l’identità di un’impresa e la distingue e la definisce all’interno del mercato. 

In realtà, a livello tecnico, questi elementi presentano delle distinzioni:

  • la marca è un concetto astratto. È l’idea che i consumatori si fanno rispetto allo stile, al modo di vivere, al ceto sociale evocati;
  • il marchio è un segno grafico che rappresenta un’azienda e ne definisce i diritti giuridici;
  • il brand è la scritta, la semplice parola con la quale si definisce una marca;
  • il logo è il simbolo grafico identificativo di una marca.

Oggi, quando si parla di brand, si fa riferimento all’insieme di questi concetti

Contattaci

Perché costruire un brand è importante? 

Viviamo in un mondo di marche.

Di certo è evidente anche a te l’influenza che certe aziende hanno sul nostro stile di vita

Esistono delle aziende così di successo da riuscire a vendere i propri prodotti solo per il brand e non per il prodotto in se stesso. Nike, Louis Vuitton, Coca-Cola solo per citarne alcuni. 

Hai mai notato cosa distingue certe t-shirt Nike da quelle di altre aziende? La presenza del simbolo della marca. Spesso le persone acquistano solo per quel simbolo.

Il successo enorme dell’azienda le permette, in questo modo, di procurarsi della pubblicità gratuita, tramite i clienti che indossano i suoi prodotti.

Ecco perché produrre delle magliette col nome o il marchio dell’azienda ben in evidenza è una chiara tattica pubblicitaria

Inoltre, molte aziende sono riuscite a diventare delle icone di un’epoca, di una cultura e di uno stile. 

Un esempio? Apple. Nonostante la maggior parte delle persone non abbia bisogno di tutte le funzionalità che può offrire, acquista lo stesso un prodotto Apple perché è un simbolo identitario

Stessa cosa vale per altri brand che sono riusciti a farsi spazio sul mercato grazie a uno stile forte, deciso e, primo di tutto, semplice.

La prima regola, se dobbiamo metterne una, da seguire affinché un marchio funzioni è di creare un brand semplice e incisivo.

20-04-23 Come creare un brand da zero_img_1

Come si crea un brand?

Non farti ingannare, creare un brand può sembrare semplice, perché si pensa di dover definire solo il marchio. Invece, è forse tra le cose più difficili da fare.

Infatti è necessario riuscire a riassumere l’intero concetto di un’azienda in un semplice simbolo, logo o nome. Rendendo il tutto accattivante e memorabile. 

Insomma, sono necessari, oltre a una buona dose di creatività, diversi step che ti aiutino a non perderti nel mare di brand già esistenti.

Contattaci

Chi sei? 

Questa è la prima domanda che devi farti prima di proporti sul mercato. 

Chi sei? racchiude molte cose: cosa vuoi?, a chi ti rivolgi?, qual è il tuo stile?, la tua attitudine?... 

Per riuscire anche solo a scegliere il font del tuo nome, dovrai saper rispondere a tutte queste domande

Devi sapere chi sei, ma anche ciò che non sei e soprattutto evitare di imitare qualcun altro.

Come in tutte le cose, la carta vincente è essere se stessi. 

Solo in questo modo potrai avere una proposta coerente nel tempo. Sii onesto con te stesso e verso gli altri e il tuo messaggio sarà recepito. 

Cercando di mostrare qualcosa che non sei, potresti risultare ridicolo; allo stesso modo, evita come la peste di imitare o di farti influenzare da un altro marchio. 

20-04-23 Come creare un brand da zero_img_2

Lo stile  

Una volta capito chi sei, inizia a ragionare di creatività. Per creare un brand potresti aver bisogno di professionisti competenti sull’argomento. 

Per scegliere il tuo stile, metti al centro il prodotto e crea una serie di domande che gli ruotano attorno: cosa vuole esprimere, a chi è rivolto, che epoca rappresenta, che messaggio vuole incarnare, a cosa serve… 

In questo modo, selezionando anche semplici aggettivi e parole relativi al prodotto ne stai già definendo lo stile. 

Ad esempio, sei un brand di vestiti per giovani e i tuoi modelli esprimono allegria, libertà e spensieratezza... Vedi? Il tuo brand si sta già definendo da solo.

È chiaro, in questo caso, che la tua scelta ricadrà su qualcosa di più dinamico ed eccentrico. 

Invece, nel caso di un brand di vestiti per donne in carriera, sceglierai qualcosa di molto più soft e chic. 

Ricorda che il brand parla già del prodotto. Il tuo cliente tipo sarà più attratto da un brand che rispecchia la sua personalità. 

Il logo  

Passiamo al logo vero e proprio. Una volta che avrai capito e definito il tuo stile in tutti i dettagli, mettilo nero su bianco e affida il tutto a un professionista. 

Sì, non fare il logo da solo, sii parte attiva del progetto, crealo assieme al grafico, ma lascia che un esperto ti guidi nella realizzazione

Per quanto tu possa avere delle doti creative, solo un grafico ha le conoscenze e i riferimenti culturali per realizzare qualcosa di contemporaneo. 

Ricorda una cosa fondamentale: il logo deve comunicare, incuriosire, ma essere semplice.

Le persone devono ricordarselo ma soprattutto devono poter riuscire a riprodurlo con facilità.

Pensa ad Apple, l’azienda si chiama “mela” ed è rappresentata da una semplice “mela”. Niente di più facile e intuitivo. 

Per creare un brand di successo immagina una figura che possa essere disegnata anche da un bambino.

Contattaci

Il linguaggio 

Il linguaggio riguarda tutta quella parte promozionale che dovrà essere coerente col marchio stesso

Quindi, ritorniamo all’esempio precedente, se hai un brand di vestiti per giovani, non parlare come un intellettuale (a meno che non si tratti di una scelta di stile originale), ma adeguati a un linguaggio più lineare e immediato. 

La scelta del linguaggio, però, deve essere anche in linea con la società, il Paese e l’epoca in cui il marchio è inserito.

In questo senso, deve evolvere nel tempo e adattarsi ai cambiamenti

Osservando i grandi marchi di successo ti accorgerai di come abbiano modificato il loro logo nel tempo e, di pari passo, la strategia di comunicazione.

20-04-23 Come creare un brand da zero_img_3

L’importanza del marketing per creare un brand  

Fondamentale per creare un brand di successo è il marketing. La tipologia di marketing più diffusa ai giorni nostri è quella sul mercato online

Cosa significa in poche parole?

  • Crea un sito internet.
  • Crea dei profili social: pagina Facebook, Instagram, Linkedin…
  • Usa delle strategie di Lead Generation.
  • Contatta Blogger e Influencer.
  • Stimola la curiosità.

Hai diverse frecce al tuo arco per attrarre il tuo pubblico, sfrutta questi mezzi per proporre offerte, giochi a premio, video, immagini.

Crea contenuti intorno al prodotto per attirare l’attenzione. 

Creare un brand non è tra le cose più semplici ma è sicuramente tra le sfide più divertenti. Dai spazio alle tue idee e alla tua fantasia.

Non metterti pressione, anzi, rilassati e lascia scorrere spunti e intuizioni: la creatività si attiva quando il cervello è distratto.

Ti interessa l’argomento? Forse potrebbero piacerti anche questi articoli:

Contattaci