Blog

25/02/2019

Ottimizzazione SEO: perché è essenziale per il tuo sito?

Tutti i vantaggi di curare l’aspetto SEO delle tue pagine. Tenendo presente gli elementi principali per farlo al meglio.

Pagine curate, accattivanti nell’estetica, ricche di contenuti sono ciò che vorresti per il tuo sito aziendale. Se lo fai c’è una ragione. È quello che vuoi far vedere di te, per apparire al meglio e piacere a chi esplora la tua “casa” online.

Trasformare più visitatori possibili in clienti è la voce in cima alla tua lista dei desideri. Un sito web veloce, che garantisca una buona esperienza di navigazione e soddisfi le esigenze dell’utente è ciò che vuoi fornire.

Attrarre e fidelizzare le tue buyer personas ideali è il traguardo da raggiungere con una buona gestione SEO.

 

Cos’è la SEO?      

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, e significa appunto “ottimizzazione per i motori di ricerca”. Comprende tutte le azioni e le tecniche che permettono di ottimizzare un sito, migliorando anche usabilità e contenuti delle sue diverse pagine. Una volta ottimizzato, il sito sarà più visibile sui motori di ricerca e otterrà una posizione migliora sulla SERP (Search Engine Results Page, ovvero “pagina dei risultati del motore di ricerca”).

Più il tuo sito è in alto nel ranking dei motori di ricerca, più ampia sarà la sua visibilità e più sarà facile farsi scegliere dagli utenti che stanno cercando ciò che proponi. Agganciare le persone proprio quando hanno bisogno di un determinato prodotto o servizio è fondamentale affinché diventino tuoi clienti.

Nessuna persona o azienda presente su internet – con blog, sito o e-commerce – può prescindere dalla SEO. È la strada da seguire per essere tra le prime posizioni nell’elenco dei risultati di ricerca.

 

New call-to-action

 

A cosa serve la SEO?

Ti abbiamo già svelato il principale scopo della SEO. Adesso vogliamo addentrarci nei benefici che rappresenta per la tua attività. Ecco cosa ti permetterà di ottenere una buona SEO:

  • Migliorare il posizionamento e la visibilità. Raggiungere le prime posizioni sulla SERP non è un processo rapido: richiede una strategia chiara ed efficace da coltivare con attenzione e costanza. Un buon posizionamento ti aiuterà a incrociare con più facilità i tuoi prossimi clienti su internet.

  • Aumentare il traffico (di qualità) verso il sito. La SEO ti aiuta proprio a farti spiccare in alto sui motori di ricerca - primo fra tutti Google - e a convogliare gli utenti verso la tua pagina. Questi visitatori, però, non sono visitatori qualsiasi. Sono infatti quelli che hanno cercato sui motori di ricerca un prodotto o servizio che tu offri, di cui probabilmente hanno bisogno. E troveranno ciò che puoi offrire proprio quando ne avranno bisogno; dimostreranno quindi grande disponibilità e interesse verso le tue proposte. A ben vedere questo meccanismo, sul lungo periodo ti permetterà di risparmiare risorse, creando un indotto che porta direttamente i clienti a trovarti, senza dover ricorrere alla pubblicità a pagamento.

  • Consolidare l’immagine della tua azienda. Un beneficio collaterale del farsi trovare con una risposta adeguata nel momento in cui il cliente la sta cercando, è di creare una relazione di fiducia e acquisire autorevolezza nel settore. Insomma, esserci nel momento del bisogno affermerà le tue capacità e rafforzerà la tua attività. Inoltre sarà la tua marcia in più per fidelizzare il cliente e coinvolgerlo in un rapporto duraturo e fruttuoso, che magari inneschi un passaparola utile per aprire un nuovo bacino di utenze.

  • Battere la concorrenza. È intuitivo. Se sei più in alto nella SERP, sarai naturalmente scelto più di frequente rispetto ai siti posizionati in fondo alla pagina o addirittura nelle pagine successive. Lo facciamo tutti, diamo maggiore fiducia alle prime proposte dei motori di ricerca, soprattutto quando navighiamo da mobile e abbiamo poco tempo a disposizione. Questo passaggio è essenziale per ottenere più visibilità rispetto ai competitor; infatti tra chi propone servizi analoghi, l’utente sarà portato a scegliere le prime opzioni, senza confrontare i risultati dell’intera lista.

  • Concludere la vendita. Che i tuoi siano prodotti o servizi, la tua presenza sul web, grazie al sito, è finalizzata a ampliare la tua rete di affari. Oltre a farti conoscere, a promuoverti e agganciare un pubblico sempre più ampio, ciò che ti sta a cuore è far acquistare ciò che offri. Proprio per come è concepita, la SEO – e per tutti i vantaggi che abbiamo appena elencato – come effetto finale conduce a monetizzare la tua presenza online.

LEGGI ANCHE: Report SEO per il sito web: perché e come farli

 

tutto sulla seo

 

Come funziona la SEO?

La SEO nasconde un intrico di approcci, tecniche e strumenti piuttosto articolato. È infatti un’attività che racchiude numerosi aspetti che devono essere analizzati e gestiti insieme. Fare SEO significa agire su più livelli, dentro e fuori dal sito, per valorizzare i contenuti affinché i motori di ricerca possano valutare qualità e pertinenza delle pagine. In base a quest’ultimo risultato, al sito sarà attribuita una posizione sulla SERP.

LEGGI ANCHE: Come essere in prima pagina su Google con 3 semplici strategie

La complessità della SEO ti spaventa? Definiamo insieme le linee guida per intervenire con ordine e metodo.

 

Cosa guardano i motori di ricerca?  

Lo ripetiamo ancora, lo scopo della SEO è di comunicare con i motori di ricerca per sottolineare l’esistenza del tuo sito, il suo valore e la sua qualità. Soprattutto questi ultimi aspetti ti faranno scalare la SERP. Quali sono i fattori di posizionamento per i motori di ricerca?

  • Unicità dei contenuti. Ovvero materiale valido e originale, che fornisca risposte precise a ciò che cercano gli utenti.

  • Velocità del sito. Una pagina che ha tempi rapidi di caricamento è ben valutata dai motori di ricerca.

  • Certificato HTTPS. Scegliere questo protocollo ti permette di offrire maggior sicurezza agli utenti che navigano sul tuo sito. E verrai di certo premiato.

  • Sito usabile. Più il tuo sito sarà facilmente fruibile dagli utenti, più sarà segnalato sulla SERP con posizioni migliori.

  • Autorità della pagina. I link che richiamano le tue pagine e che provengono dall’esterno sono valutati per pertinenza, e se considerati di qualità, possono aumentare il ranking del tuo sito.

  • Affidabilità della pagina. I link saranno valutati anche per il loro numero. Più link arrivano alla tua pagina, più sarai considerato affidabile.

LEGGI ANCHE: Come trovare nuovi clienti online in 5 mosse

 

keywords

 

Elementi essenziali per ottimizzare un sito web con la SEO       

Abbiamo appena delineato la strada, fissando le tappe di lavoro principali, per svolgere un’attività SEO al meglio. Passiamo in rassegna altri elementi che non puoi trascurare.

Di seguito i fattori essenziali da analizzare e seguire nel tempo per il tuo posizionamento:

  • le parole chiave. Scegli le keyword rilevanti e pertinenti per i tuoi obiettivi e per il pubblico che vuoi colpire. Fai attenzione al loro utilizzo: inseriscile in posizioni di rilievo, senza però farne un uso eccessivo o poco calzante;

  • la struttura del sito. Dall’URL alla meta description, rispettivamente il dominio e la descrizione delle pagine web che apparirà sulla SERP, cura questi elementi affinché siano chiari e funzionanti;

  • i contenuti. Fai in modo che i motori di ricerca comprendano con esattezza i tuoi argomenti, così da essere spinti a proporli a chi ti cerca. Immagini, testo e video, in particolare, devono essere ottimizzati;

  • i link. Che siano in uscita o in entrata, gestisci i link, da un lato per implementare il traffico tra le tue pagine, dall’altro per acquisire autorevolezza e valore;

  • la user experience. Chiunque arrivi sul tuo sito deve essere messo nelle condizioni di trovare ciò che cerca nel modo più semplice e veloce. Cura quindi la velocità di caricamento e l’aspetto grafico, affinché il sito sia chiaro e navigabile sia da computer che da altri dispositivi.

LEGGI ANCHE: Strumenti e tecniche per fare l’analisi SEO di un sito web

 

on-site e off-site a confronto

 

SEO on-site e off-site: cosa sono?

SEO, SEO on-site, SEO off-site. Sono la stessa cosa? Perché si differenziano? Sappiamo che a volte la terminologia può creare confusione. Allora facciamo chiarezza.

In fase di ottimizzazione SEO esistono diversi punti sui quali andare a agire. Diversi accorgimenti possono essere apportati, dentro e fuori dal tuo sito.

  • SEO on-site: racchiude tutte le attività che metti in pratica per ottimizzare il sito, agendo sugli elementi interni al sito. Ad esempio la velocità di caricamento delle pagine e l’uso del protocollo HTTPS.

  • SEO on-page: lavorando sempre sul tuo sito, si tratta di tutte le tecniche che ti permettono di migliorare la struttura interna e i contenuti delle pagine. Partendo da parole chiave rilevanti per il tuo target e il tuo business, sono coinvolti svariati elementi, dall’URL, ai testi, fino alle immagini. Senza dimenticare i collegamenti con i link interni al sito.

  • SEO off-site: comprende tutti gli accorgimenti relativi ai fattori esterni al sito. Recensioni e social network possono essere di supporto, ma i veri protagonisti sono i backlink. Si tratta dei link in entrata verso il tuo sito, provenienti da altri siti. La loro rilevanza risiede nell’autorevolezza e nel valore aggiunto che assegnano alle tue pagine.

LEGGI ANCHE: Come acquisire nuovi clienti con la pubblicità online

 

Una buona strategia SEO ti consente di dare un pubblico alle tue idee e di trasformare questo pubblico in clienti fidati. Anche se gli ingredienti principali sono la tua personalità e il tuo business, la SEO è la chiave che ti apre le porte del web.

 

New call-to-action

     

Contattaci