Blog

18/06/2020

Mappe di calore: come funzionano e uno strumento per realizzarle

Vuoi sapere come si muovono gli utenti sul tuo sito? Le mappe di calore fanno per te. Scopri cosa sono, perché sono necessarie e lo strumento migliore per realizzarle.

Sai che puoi scoprire esattamente quello che fanno le persone che visitano il tuo sito? 

Dove cliccano, se vedono tutta la pagina, quanto tempo si fermano in media su un contenuto e in che punto abbandonano i form di contatto?

Non è fantascienza.

Esistono davvero degli strumenti che ti danno delle indicazioni precise sul comportamento degli utenti sul tuo sito web, non solo tramite dati ma anche visivamente - per esempio mostrandoti la scia del mouse dell’utente che scorre il tuo contenuto.

Oggi ti vogliamo parlare delle mappe di calore e di uno strumento che utilizziamo anche noi, ogni giorno, nel nostro lavoro e con i nostri clienti.

Mappe di calore: cosa sono?

Le mappe di calore, o Heat Map, sono rappresentazioni grafiche a colori che indicano le aree in cui si focalizza l’attenzione dell’utente. Perché sono importanti?

Tutti i software di analisi (Google Analytics, SEMrush e tanti altri tool), mostrano i dati di traffico sul sito, come le visualizzazioni, le sessioni, le uscite ecc.

Se utilizzi anche tu questi strumenti sai che, per quanto bene possano tracciare, non riescono ad analizzare certi dati che potrebbero darti informazioni più approfondite sul modo in cui gli utenti navigano le tue pagine.

I dati che ci forniscono questi software sono perfetti per avere informazioni generiche sul sito, come:

  • le pagine più visualizzate;
  • le fonti da cui proviene la maggior parte del traffico;
  • il tempo trascorso per pagina;
  • le pagine da cui escono gli utenti.

Quello che non registrano, invece, è ciò che succede all’interno di ogni pagina e come gli utenti interagiscono con i singoli elementi.

Le mappe di calore servono proprio a darti informazioni più approfondite e dettagliate su questo: cosa fanno gli utenti sulle pagine? Dove cliccano? Quali elementi attirano la loro attenzione?

Nello specifico, esistono 3 tipologie di mappe di calore, suddivise in base alle azioni che registrano:

  • Click Map
  • Scroll Map
  • Hover Map

Contattaci

tre tipologie di mappe di calore

Click Map: dove cliccano i tuoi utenti?

Le Click Map sono mappe di calore basate sui click degli utenti.

Mostrano gli elementi su cui si concentra la loro attenzione, come un pulsante, un link, un’immagine, un video, insomma qualsiasi cosa sia cliccabile (o che è ritenuta tale dal punto di vista degli utenti).

Le Click Map sono utilissime per sapere quali degli elementi dovrebbero essere ottimizzati meglio. 

Come si traduce tutto questo nella pratica? Se tante persone cliccano su un determinato pulsante, che porta a una pagina non ottimizzata, sarà il caso di sistemare quella pagina in modo da migliorare l’esperienza di tutti gli utenti che la visitano.

Lo stesso vale per i clic su un’immagine. Tante volte gli utenti cliccano su punti che non avremmo mai considerato, appunto, un’immagine.

Un’idea potrebbe essere di fare in modo che questa si ingrandisca quando viene cliccata, perché forse è proprio questo che gli utenti vogliono.

Scroll Map: fino a che punto della pagina arrivano i tuoi utenti?

Oltre ai click, le mappe di calore registrano anche la percentuale di scorrimento della pagina.

Spesso articoli del blog e landing page presentano testi molto lunghi con varie call to action e collegamenti ad altre pagine.

Ma come fai a sapere se gli utenti leggono tutto il contenuto e vedono i pulsanti che hai inserito?

Le Scroll Map indicano proprio quanti utenti si fermano alla prima schermata, quanti arrivano a metà della pagina oppure scorrono fino in fondo perché davvero interessati a ciò che leggono.

In questo modo puoi andare a riposizionare gli elementi importanti nei punti in cui si concentrano le visualizzazioni.

Inoltre, puoi testare vari layout della pagina e vedere quale funziona meglio e permette una navigazione più piacevole e soddisfacente agli utenti.

Hover Map: come si muovono i tuoi utenti sulla pagina?

Tracciare gli spostamenti dell’utente sulla pagina, quindi evidenziare i punti della pagina su cui si sofferma perché attirano la sua attenzione, ti permette di capire quali elementi è bene perfezionare.

Questa funzionalità è meno usata delle altre due, ma può comunque dare informazioni interessanti a corredo di tutto.

Contattaci

lucky orange cose e quanto costa

Che strumento utilizziamo noi per realizzare le mappe di calore?

Dopo aver testato vari strumenti, ci sentiamo di poterti consigliare uno strumento che utilizziamo sia per il nostro sito che per i nostri clienti: Lucky Orange

Cos’è Lucky Orange e quali sono le sue funzionalità?

Lucky Orange è uno strumento che dovrebbe far parte della cassetta degli attrezzi di ogni marketer.

È uno tool che mette insieme tante funzionalità indispensabili nell’analisi del sito:

  • realizza mappe di calore;
  • registra le sessioni degli utenti, facendoti vedere le pagine che hanno visitato e dove hanno abbandonato;
  • traccia e analizza i form di contatto, così da valutare se sono efficaci o se sono troppo lunghi;
  • offre una chat che si può installare sul sito per interagire con gli utenti;
  • permette di creare sondaggi da inserire nelle varie pagine per richiedere il feedback dell’utente, in modo da avere un’opinione relativa alla sua esperienza di navigazione;
  • permette anche di impostare un percorso di conversione dell’utente, da quando entra sul sito fino a quando esce dopo l’acquisto, così da scoprire in che punto del percorso gli utenti abbandonano.

Come si installa Lucky Orange?

L’installazione è semplicissima.

Lucky Orange inizia a registrare i dati del sito dopo aver inserito il codice di installazione sul sito stesso.

Dunque si tratta di un semplice passaggio. Il codice non va modificato, ma solo copiato e incollato.

Quanto costa Lucky Orange?

Il tool offre diversi piani, in base al numero di siti che vuoi analizzare.

Il piano più economico, che consente di analizzare un sito e fino a 25.000 pagine al mese, ha un costo mensile di 10$

Hai però la possibilità di provare gratuitamente Lucky Orange per 7 giorni prima di decidere se fa per te.

Come creare un account su Lucky Orange?

Se hai deciso di voler provare Lucky Orange sul tuo sito e capire perché i tuoi utenti non convertono, puoi creare il tuo account cliccando su questo link: https://www.luckyorange.com/

Tu utilizzi già qualche strumento di questo tipo? Se non lo usi, pensi che potrebbe essere utile nel tuo lavoro quotidiano?

Scrivici, siamo curiosi di sapere cosa ne pensi e se possiamo aiutarti a sfruttarlo al meglio.

Ti interessa l'argomento? Ti consigliamo di leggere anche:

Contattaci