Blog

11/02/2021

E-commerce: perché è fondamentale per la tua azienda

Dai risultati del 2020 alle prospettive per il 2021, scopri perché scegliere l’e-commerce per la tua attività

Il business del futuro è sempre più digitale e mobile. Gli acquisti online continuano a crescere, così come il numero di persone che si affidano alle ricerche sul web per soddisfare i propri bisogni.

Una crescita annunciata già da alcuni anni e che ha subìto una vera esplosione anche a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus.

L’impossibilità di muoversi e girare tra i vari negozi ha contribuito a portare sugli e-commerce anche chi non aveva ancora abbracciato l’idea di comprare sul web. 

Allo stesso modo, le aziende che fino a pochi mesi fa gestivano il loro business solo offline, per continuare a offrire prodotti e servizi ai clienti e non rallentare in termini di fatturato, hanno aperto il loro shop online.

Vediamo, quindi, i risultati del 2020 e le prospettive per gli e-commerce nel 2021.

I risultati dell'e-commerce nel 2020

Un anno, il 2020, di vera svolta per il commercio digitale. Se fino al 2019 si poteva parlare di mercato florido con grandi margini di crescita, lo scorso anno è arrivata la consacrazione definitiva nel panorama economico, non solo italiano.

Negli ultimi dodici mesi, infatti, i numeri registrati dalle vendite online si sono avvicinati di molto a quelli offline, assottigliando in modo incredibile il margine di differenza tra i guadagni. 

In Italia gli e-commerce nel 2020 hanno registrato:

  • un guadagno di 58,6 miliardi,
  • un incremento di ricavi pari a 3,5 miliardi di euro, ovvero un +6,3% rispetto al 2019,
  • un aumento del proprio peso sul fatturato totale delle imprese italiane, raggiungendo un valore del 19,2% e piazzandosi al terzo posto tra le 99 attività economiche italiane più incidenti sul fatturato.

Uno sviluppo dato dalle difficoltà nel recarsi presso negozi fisici, ma anche da una maggiore fiducia verso i pagamenti digitali e le consegne a domicilio.

Interessante sottolineare come, oltre a questi dati che evidenziano la diffusione degli shop online, questi ultimi si siano adeguati a un aspetto sempre più local.

Dunque un legame stretto con il proprio territorio, a rimarcare come l’e-commerce sia sostegno e vada ad affiancare attività che già hanno una struttura fisica e magari ben radicata offline.

Perché aprire un e-commerce nel 2021?

La strada già intrapresa dagli e-commerce è destinata a essere percorsa anche nel 2021. Previsioni ottimistiche e prospettive entusiasmanti si delineano per il commercio online.

Ciò che ci si aspetta sull’e-commerce italiano per questo nuovo anno è ben rappresentato dai dati elaborata da AJ-Com.Net:

  • una crescita del 37% rispetto al 2020,
  • aumenti del guadagno a partire dal food e beverage (32,9 miliardi di euro), advertising e marketing (19,2 miliardi), abbigliamento (16,4 miliardi), arredamento (15 miliardi), informatica ed elettronica (13,7 miliardi).

Insomma, il numero di persone che si sposteranno sul web per gli acquisti è destinato a salire. 

Risultato? Un’ulteriore spinta all’incremento degli shop online, in termini di numero e guadagno, benefici economici e opportunità di business per le aziende e, infine, nuove opportunità anche per l’occupazione.

Contattaci

I vantaggi dell’e-commerce per le aziende

Dunque, una cosa è certa, la pandemia causata dal Covid-19 ha contribuito a modificare le nostre abitudini anche come consumatori.

Siamo diventati consumatori virtuali, più abituati a scegliere da una vetrina online che a toccare con mano un prodotto, più orientati a farci consigliare dalle recensioni sul web che dal parere dei commessi in negozio, più disposti a un pagamento digitale che all’utilizzo del contante.

E se gli utenti si sono adeguati per far fronte a una nuova realtà, le aziende non sono rimaste a guardare. 

Molti imprenditori, a prescindere dal settore, hanno deciso di aprire un e-commerce o di potenziare il loro negozio online.

Niente di più azzeccato. Un e-commerce ben strutturato ed efficiente ti consente di:

  • vendere ogni giorno e a ogni ora. Non ci sono vincoli negli orari, non c’è una chiusura e un'apertura, lo shop è sempre attivo. Quindi piena libertà di vendita a prescindere dal giorno e dall’ora;
  • raggiungere più clienti. Se è vero che gli e-commerce tendono a essere più concentrati sul territorio, è anche vero che non sono fisicamente legati a un luogo. Dunque, potenzialmente, utilizzando un buon servizio di consegna, è possibile vendere pure a persone che sono distanti chilometri e chilometri;
  • non avere costi eccessivi e fissi. Al contrario di una struttura fisica, che potrebbe richiedere ad esempio spese per affitto, un e-commerce, superato il primo investimento iniziale, non richiede un grande sforzo economico per la gestione;
  • sostenere il negozio fisico. Una cosa non esclude l’altra, questo è proprio il caso degli shop online e offline. Un e-commerce, infatti, può aiutare e contribuire al lavoro di un negozio fisico. Il cliente avrà la possibilità di vivere esperienze personalizzate, reperire sempre il tuo marchio e avere prodotti pronti per l’acquisto in qualsiasi circostanza. Un modo per accelerare il tuo business ma anche per far crescere la tua reputazione come brand.

Articolo_Ecommercee_img_1

I 5 trend da seguire per un e-commerce di successo nel 2021

Cosa deve avere il tuo e-commerce per incrementare davvero il tuo business? Ecco le 5 caratteristiche che non devono mancare.

1. Mobile

Mobile first. Questo è il primo caposaldo se stai pensando di aprire uno shop online proprio adesso.

Non stiamo parlando di creare un sito e-commerce responsive, ovvero un sito che si adatti anche su dispositivi come tablet e cellulare. No, si tratta di una progettazione pensata proprio a partire dai device come smartphone.

Le persone aprono sempre meno il pc per fare acquisti e tendono a cercare sul momento ciò di cui hanno bisogno, affidandosi al proprio smartphone. Assicura loro una navigazione ottimale.

E-commerce e Google Mobile First Index

Il mobile first non riguarda solo gli utenti. Non devi dimenticarti di Google. Si parla infatti di un aggiornamento di Google nei prossimi mesi, legato proprio al mobile e alla SEO.

Un cambiamento che dovrebbe concretizzarsi entro marzo e presentare l’introduzione di Google Mobile First Index, che porterà l’aggiornamento dei risultati di ricerca per i dispositivi mobili, eliminando del tutto i siti desktop dalla serp.

Il mobile diventa la strada principale per le ricerche dei clienti, per i loro acquisti e per l’aumento del tuo fatturato.

2. Contenuti chiari e personalizzati

Attenzione alla user experience. Personalizza i contenuti e la navigazione. Rendi unica l’esperienza nel tuo shop.

Parti da cose semplici: informazioni chiare. Descrivi i prodotti nei dettagli, previeni eventuali dubbi e domande creando una sezione dedicata alle FAQ, rassicura l’utente inserendo delle recensioni.

Nessuno ormai compra prima di aver letto l’opinione di chi ha già provato il prodotto. Sfrutta questo aspetto per sottolineare i benefici dei tuoi articoli e il successo che riscuotono. 

Non trascurare i commenti negativi, ricorda che anche in questi casi puoi trovare una buona strada per girare la situazione a tuo vantaggio.

Infine occupati dei metodi di pagamento e personalizzali per offrire una scelta al cliente e facilitarlo nella fase di acquisto.

Contattaci

3. Abbonamenti

Creare un sistema per il quale i tuoi utenti, dopo aver pagato una quota mensile fissa, possono utilizzare il tuo e-commerce, è di certo una delle novità che nel 2021 può consentirti buoni risultati di vendita.

La formula dell’abbonamento sul medio-lungo periodo si rivela più che valida per i guadagni, oltre che per fidelizzare i clienti. Un vero elemento innovativo per il settore.

4. Consegna in tempo reale

Prima è, meglio è. I tuoi clienti sono di certo impazienti di ricevere quanto hanno ordinato. Non farli aspettare.

Chi compra online apprezza molto la rapidità con cui riceve i suoi acquisti, quindi cerca di scegliere distributori affidabili e di utilizzare sistemi di automazione che velocizzino la consegna.

Parlando ancora della consegna, tieni presente che, se hai un negozio fisico nella zona del cliente che ha effettuato l’acquisto, puoi prevedere pure il ritiro direttamente nella struttura. 

I clienti saranno felici di avere più opzioni.

5. Intelligenza artificiale e realtà aumentata

Uno dei pochi limiti di un e-commerce è l’impossibilità per i clienti di toccare con mano la merce.

Come eliminare questa difficoltà? Intelligenza artificiale (AI) e realtà aumentata (AR).

Prova a immaginare di far visitare il tuo shop online, di mostrare i prodotti in tutte le loro sfaccettature, di dare indicazioni e informazioni personalizzate. 

L’intelligenza artificiale ti aiuta in questo, creando una cronologia sugli acquisti e sui comportamenti degli utenti nel negozio online. 

Così potrai mostrare i prodotti più in linea con i gusti e con le richieste dei visitatori. Insomma, una sorta di commesso di fiducia.

La realtà aumentata, invece, andrà proprio a compensare la necessità di guardare e fare esperienza di un articolo prima dell’acquisto

Tramite immagini e riproduzioni dei prodotti potrai far capire le caratteristiche e l’utilizzo di ciò che gli utenti stanno per acquistare.



Grazie a un buon e-commerce anche le piccole attività locali possono restare vicine ai clienti e soddisfare le loro esigenze e farsi conoscere oltre i confini del territorio da chi non possono raggiungere altrimenti.

Se non l’hai ancora fatto, il 2021 si presenta come il momento ideale per pensare di aprire il tuo shop online.

Contattaci