Blog

22/02/2019

Convertire i visitatori del sito in contatti: il caso Te La Lavo Io

Puntando su un'esperienza di navigazione semplificata, il servizio di autolavaggio a domicilio ha iniziato a guadagnare anche con il web.

Immagina di avere di fronte un’auto piccola e poco accessoriata, non proprio tirata a lucido, con un motore aggressivo e potenzialmente molto performante. Che cosa penseresti? Forse che tutta quella energia è sprecata per un’auto con quelle caratteristiche. Ti diamo ragione.

Meno di un anno fa Te La Lavo Io, servizio di autolavaggio a domicilio con base a Verona, assomigliava a quell’auto: la carrozzeria esterna - in questo caso il sito e la comunicazione web - non rendeva giustizia al cuore pulsante dell’attività, destinata invece a fare molta strada.

Paolo Carrara, il titolare, ci ha contattati per cambiare rotta e iniziare a guadagnare su internet. Abbiamo studiato il caso e coinvolto il cliente in un’intervista approfondita; dopo alcune settimane abbiamo pubblicato in rete il suo nuovo sito. Siamo partiti dai suoi clienti tipo per definire struttura e linguaggio, senza mai tralasciare le sue esigenze di imprenditore.

 

Che tipo di imprenditore sei? - Partecipa al quiz

 

Il risultato? Un sito semplice dal visual fresco, senza fronzoli, progettato per fornire informazioni puntuali a un pubblico vasto e eterogeneo. Un sito pratico e utile, allo stesso tempo capace di rendere piacevole la navigazione.

In questo articolo ti raccontiamo la storia di Te La Lavo Io - i dati del case study sono aggiornati a gennaio 2019.

 

Il cliente: Te La Lavo Io, di Verona

Te La Lavo Io è un’impresa che fornisce servizi di autolavaggio e sanificazione a vapore, a domicilio, per privati e aziende.

Carrara e i suoi collaboratori utilizzano un furgone accessoriato per pulire a fondo auto e altre tipologie di veicoli, ma anche divani, materassi, tappeti e fughe dei pavimenti. L’attività è operativa su tutto il territorio scaligero e raggiunge le città nel raggio di 100 km da Verona.

Praticità di intervento, rispetto per l’ambiente, prezzo conveniente e garanzia sul lavaggio: questi sono i punti di forza di Te La Lavo Io rispetto alla concorrenza.

LEGGI ANCHE: Come essere in prima pagina su Google con 3 semplici strategie

Oggi Carrara è intenzionato a ampliare l’offerta aprendo anche un autolavaggio fisso alle porte di Verona: così il marchio avrebbe più visibilità e la stazione fissa gli consentirebbe di specializzarsi, ospitare una piccola sede legale e ampliare il target di clienti.

Te La Lavo Io autolavaggio domicilio

 

Il problema: sito web poco funzionale

Il sito web precedente di Te La Lavo Io, creato da MP Quadro nel 2014, rispondeva alle richieste iniziali di Carrara a livello superficiale; era un sito responsive (cosa non scontata per l’epoca) - significa che si adattava automaticamente per la visualizzazione da mobile - e presentava una veste grafica in linea con la personalità aziendale. Nonostante il budget di partenza fosse esiguo, il sito così concepito attirava già visitatori e permetteva di convertirli in clienti.

Dal passaparola alle serigrafie sui furgoni brandizzati, Te La Lavo Io avrebbe però continuato a lavorare anche senza un biglietto da visita online. Il vecchio sito era un buon supporto per l’attività - “se sei sul web, allora significa che esisti” - ma incideva poco sui guadagni di fine mese. Portava dai dieci ai venti contatti mensili, l’80% telefonici e il 20% via email; quest’ultimo canale era intasato di spam a causa del malfunzionamento del template.

Più avanti puoi vedere alcuni grafici che mettono a confronto le performance del vecchio sito con quello creato ex novo: noterai subito le differenze, soprattutto per quanto riguarda il numero delle sessioni e degli utenti di ritorno.

 

La necessità: trovare clienti sul web

Carrara ha capito l’importanza di sostituire il vecchio sito internet con un portale progettato meglio, e di conseguenza più funzionale: il successo di Te La Lavo Io a Verona e dintorni sarebbe potuto aumentare, se supportato da una strategia di web marketing adeguata.

LEGGI ANCHE: Come trovare nuovi clienti online in 5 mosse

In quattro anni, dal 2014 al 2018, l’attività di autolavaggio a vapore a domicilio è cresciuta in modo esponenziale, principalmente grazie al passaparola. Trasformando il sito internet in un catalizzatore automatico di lead, Te La Lavo Io avrebbe potuto tenere testa alla concorrenza anche al di fuori del Triveneto e provare a conquistare le principali piazze nazionali.

 

Che tipo di imprenditore sei? - Partecipa al quiz

 

La soluzione: sito web in ottica SEO

Un sito snello, completo e ottimizzato lato SEO - ovvero dotato di tutti gli elementi per posizionarsi al meglio sui motori di ricerca e scalare la SERP di Google: questa la soluzione proposta a Paolo Carrara, il quale ha immediatamente accettato di affrontare le fasi di lavoro necessarie per la revisione del progetto originario.

La creazione del nuovo sito internet di Te La Lavo Io ci ha visti impegnati nei seguenti passaggi, la maggior parte dei quali in collaborazione con il cliente:

  1. intervista per la definizione degli obiettivi aziendali nel breve e lungo termine (core business);

  2. costruzione della brand personality visiva e testuale (identità grafica e verbale);

  3. studio della struttura del nuovo sito, tenendo conto degli scopi primari del cliente;

  4. creazione dei contenuti visivi e testuali in linea con la brand personality;

  5. ottimizzazione dell’esperienza di navigazione degli utenti con l’aggiunta di link interni, pulsanti, CTA e form di contatto.

L’analisi ha portato a un risultato molto soddisfacente. Il nuovo sito di Te La Lavo Io, online all’indirizzo www.telalavoio.com, è formato da cinque pagine (home compresa). La pagina “Come funziona” spiega le fasi del lavaggio a vapore a domicilio; “I nostri servizi” fornisce una panoramica di tutti i servizi a vapore a domicilio con i vantaggi per i clienti e i feedback di chi li ha già provati; “Apri il tuo franchising” è forse la novità più affascinante: stuzzica l’interesse di altri aspiranti imprenditori alla ricerca di un’attività redditizia sulla quale investire; infine la pagina “Info e contatti” riepilogativa, con il form di contatto in evidenza.

LEGGI ANCHE:  Come fare SEO in modo efficace: keyword, fattori on-site e off-site

Te La Lavo Io analisi dei dati web

 

I vantaggi: più sessioni, più nuovi utenti

Abbiamo pubblicato il nuovo sito di Te La Lavo Io il 27 luglio 2018. Ci sono volute alcune settimane di assestamento affinché il portale si stabilizzasse su Google; già qualche mese dopo la messa online alcuni visitatori si sono trasformati in contatti.

In particolare la pagina “Apri il tuo franchising” si è rivelata proficua, a tal punto che oggi Carrara riceve due-tre richieste di affiliazione al mese dal form di contatto in fondo alla pagina, in aggiunta alle richieste di informazioni sui servizi e alle prenotazioni degli autolavaggi a domicilio. La sezione web specifica, richiesta per rendere il portale ancora più esaustivo, organizza i blocchi di testo in elenchi numerati e cerca di rispondere alle domande degli interessati. Il modulo in fondo alla pagina facilita il contatto.

Il nuovo sito ha anche ottimizzato le tempistiche organizzative e di intervento in loco di Te La Lavo Io: c’era la necessità di comunicare le zone esatte di copertura del servizio, filtrando le richieste in entrata; l’aggiunta di mappe a colori all’interno di più pagine ha messo in primo piano le province servite dai furgoncini e migliorato la gestione del tempo di Carrara.

Vediamo ora i dati principali associati alle tabelle e ai grafici di Google Analytics.

Se confrontiamo i dati di accesso alla home - il vecchio sito, infatti, non aveva pagine interne - notiamo che nel periodo 1 luglio 2018-2 gennaio 2019 sono aumentate le sessioni, i nuovi utenti, le pagine visitate per sessione e la durata media di sessione. Rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente (1 luglio 2017-2 gennaio 2018) la frequenza di rimbalzo (ovvero la percentuale di visitatori che abbandona il sito senza aver interagito con la pagina) è diminuita del 20%.

Pagine di destinazione - te la lavo io

LEGGI ANCHE: Strumenti e tecniche per fare l’analisi SEO di un sito web

Passiamo a esaminare i dati relativi a tutte le pagine del nuovo sito. Le visualizzazioni della home, che resta la pagina più visitata dagli utenti web, sono aumentate del 33%. In ordine compaiono la pagina “Info e contatti” - una sezione strategica per la raccolta di lead -, “Come funziona”, “I nostri servizi” e “Apri il tuo franchise”.

tutte le pagine - te la lavo io

Sono aumentati anche gli utenti di ritorno - nel 2017 erano il 5,7% del totale, oggi sono l’8,6%. Perché questo dato è positivo? Perché i cosiddetti returning visitors sono in genere più fedeli al brand rispetto ai new visitors; sono anche i visitatori più facili da convertire.

Vale la pena dare un’occhiata anche ai dispositivi utilizzati per la navigazione sul sito e capire come sono cambiati nel tempo. Sia i parametri di acquisizione dei dati sia quelli di comportamento sono caratterizzati da trend incoraggianti: nel periodo luglio 2018-gennaio 2019 le visite da mobile sono il doppio di quelle da desktop - un ottimo segnale lato potenziali clienti. Sempre da mobile, le pagine visitate per sessione e la durata media di sessione sono aumentate rispetto al periodo precedente, mentre la frequenza di rimbalzo è calata.

dispositivi - te la lavo io

Infine uno sguardo rapido ai canali di acquisizione. Le ricerche organiche e quelle dirette - ovvero quando l’utente scrive il dominio nella barra degli indirizzi oppure salva il dominio tra i preferiti - sono aumentate nel periodo più recente.

canali - te la lavo io

Per completezza alleghiamo uno screenshot da SEMrush, che mostra la lista di parole chiave per le quali il sito è in prima pagina su Google. Oltre alla posizione sulla SERP, spiccano i dati sul volume di ricerca e il CPC, cioè il costo ipotetico in dollari di ogni parola chiave per vincere l’asta del posizionamento a pagamento.

grafica semrush

 

Gli sviluppi futuri: LinkedIn e altri canali

Dal monitoraggio dei lead ottenuti grazie al nuovo sito alla gestione di Facebook e Instagram scandita da un calendario editoriale, Carrara ha ingranato la marcia e potenziato la comunicazione web e social di Te La Lavo Io.

Tra i canali da scoprire e testare c’è in particolare LinkedIn, uno strumento fondamentale per le aziende B2B; Te La Lavo Io infatti fornisce servizi di autolavaggio e sanificazione a vapore a domicilio anche alle imprese, al momento in Triveneto e Lombardia.

LEGGI ANCHE: Report SEO per il sito web: perché e come farli

Te La Lavo Io analisi dei dati mobile

 

La testimonianza di Te La Lavo Io

“MP Quadro mi ha seguito bene sia nella gestione del vecchio sito - qualche mese fa ho subito un attacco hacker che mi è stato prontamente segnalato - sia nello studio della brand personality, fondamentale per la creazione del nuovo sito. Ho apprezzato l’approccio, innovativo rispetto a quello che offre la concorrenza, e la volontà di costruire un servizio su misura; da questo punto di vista le altre agenzie con cui ho avuto a che fare mi sono sembrate più superficiali.” - Paolo Carrara, titolare di Te La Lavo Io.

 

I contatti per saperne di più

Vorresti parlare direttamente con Paolo Carrara di Te La Lavo Io per sapere come si è trovato con noi? Trovi i suoi contatti sul sito, ma per comodità li riportiamo anche qui: il suo indirizzo email è info@telalavoio.com e il suo numero di telefono è +39 342 3502649.

 

Che tipo di imprenditore sei? - Partecipa al quiz

Contattaci